• Registrazione
Promozione Umana  //  Servizio Civile
seo
joomla templates

servizio civile mLa Caritas Diocesana di Ales-Terralba aderì al Servizio dell'Obiezione di Coscienza dal 1989: venne accreditata la Caritas Diocesana, i giovani venivano impegnati nel Centro d'Ascolto "Madonna del Rosario", nelle Comunità Terapeutiche (Alle Sorgenti e San Michele) e nella Comunità Betania. In quindici anni circa 100 giovani poterono usufruire del servizio.

Nel 2001 viene istituito il Servizio civile nazionale, il 1 gennaio 2005 vennero sospesi gli obblighi di leva.

In virtù di queste riforme il Servizio civile:

- Non rappresenta più una forma di adempimento degli obblighi di leva

- Costituisce una proposta alla quale possono aderire volontariamente ragazzi e ragazze d'età compresa tra i 18 e i 28 anni.

La Diocesi di Ales-Terralba nella piena condivisione di Caritas Italina partecipa alle varie attività per poter avere la possibilità di partecipare ai progetti ed entrare così nel mondo del Servizio Civile e dare ai giovani del nostro territorio l'occasione di fare questa esperienza come "una scelta educativa che si riferisce ai giovani, alla Chiesa e alla società. Il Servizio civile, attraverso significative esperienze di solidarietà, deve poter innescare e favorire nelle comunità cammini di crescita umana e cristiana nella direzione della solidarietà, della pace, della giustizia. Il servizio civile quindi chiede la centralità dell'attenzione ai giovani e alla città intesa come comunità da amare e animare. Si tratta pertanto di uno strumento, di un'opportunità pastorale, di una risorsa, la cui funzione pedagogica è pensata nei confronti della comunità tutta e quindi non solo dei giovani.

Questo vuol dire che nell'esperienza del Servizio Civile i destinatari dell'azione della Caritas non sono solo i giovani, ma anche:

- le persone che vivono situazioni di disagio e che ricevono una presenza e un servizio dai giovani,

- gli adulti delle sedi che si aprono ai giovani e che lavorano con loro,

- le sedi stesse che possono consolidare le proprie attività e il proprio rapporto col territorio,

- i diversi mondi adulti in contatto con i giovani (famiglie, scuole, parrocchie, lavoro...) che, tramite il servizio civile dei giovani, hanno occasione per avvicinare le sedi e le situazioni di disagio di cui si occupano.

Ed è proprio in questo senso che il Servizio Civile rappresenta una delle occasioni privilegiate, uno dei modi per la Caritas e per la Chiesa di praticare il compito pastorale di animazione della comunità nel suo complesso. Se il servizio civile è inteso in questo senso è allora possibile pensarlo e valorizzarlo anche con un numero di giovani più ridotto"

Nel 2003 abbiamo iniziato i primi accreditamenti all'UNSC (Ufficio Nazionale per il Servizio Civile) attraverso l'Ufficio Nazionale Caritas per le sedi di attuazione dei progetti e per le figure di riferimento.

L'evoluzione di questi accreditamenti ci ha portati alla situazione attuale di:

n° 9 sedi accreditate (n° 7 sedi in attesa di accreditamento)

n° 2 Formatori

n° 2 Progettisti

n° 1 Tutor

n° 10 OLP (Operatore Locale di progetto)

n° 1 RLA (Responsabile Locale di Ente Accreditato)

n° 1 Esperto nel Monitoraggio

Dopo aver accreditato le prime sedi e le figure si è potuto proseguire nel redigere i primi progetti e presentarli:

2004

- Progetto Regionale "per dar voce a chi non ha voce" finanziato nel 1° bando 2005 – 2 giovani per il Centro d'Ascolto "Mons. Salvatore Spettu" di Guspini.

- Progetto diocesano "Un lavoro per rinascere"

finanziato nel 1° bando 2005 – 4 ragazzi nella comunità terapeutica San Michele 2.

2005

- Progetto diocesano "Per una comunità educante_ales-terralba" non approvato per motivi formali.

- Progetto diocesano "Dalla marginalità al centro_ales-terralba" non approvato per motivi formali.

2006

- Progetto regionale "Ognuno è qualcuno_Iglesias" finanziato nel 1° bando 2007 – due ragazzi per il Centro d'Ascolto "Mons. Salvatore Spettu" di Guspini.

- Progetto diocesano "Per una comunità educante_ales-terralba" finanziato nel 2° bando 2007 – 10 ragazzi suddivisi negli oratori: 2 a Terralba, 2 a Guspini San Giovanni Bosco, 2 a Guspini San Nicolò, 2 a San Gavino pastorale giovanile, 2 a Villacidro Santa Barbara.

- Progetto diocesano "Dalla marginalità al centro_ales-terralba" approvato non finanziato per mancanza di finanziamenti.

2007

- Progetto regionale "Una Persona una storia_Iglesias" in attesa del bando.

- Progetto diocesano "In servizio per educare_ales-terralba" in attesa del bando.

- Progetto diocesano "dalla marginalità al centro_ales-terralba" in attesa del bando.

2008

Bando per la selezione di ragazzi in Servizio Civile, il progetto finanziato è "In servizio per educare_ales-terralba" per l'impiego di 6 volontari presso gli oratori di Guspini (San Giovanni Bosco e San Nicolò) e Villacidro (Santa Barbara).

Ogni anno i giovani e i responsabili mettono un grande impegno per portare avanti questa attività.

Torna su